xANARCOxEDGEx


Straight Edge

HOME

INTERVISTE

RECENSIONI

STRALCI

Ho incontrato Marco Pasini (mente di Forthekidsxxx, blog che seguivo già da un paio di anni)
ad una bellissima serata a Bologna in cui avevo esposto un banchetto con la Go...Fast Zine
(fanzine cartacea di xGiangiox fratello che suona la batteria nei miei OhXCristo!). Il signorotto
Paso si era fondato su quella realtà cartacea con un entusiasmo mai visto prima. Ho avuto il
piacere di continuare a sentirlo nonostante le distanze ed infine intervistarlo per il mio blog
che lui, inoltre, ha supportato e seguito sin da subito. Quello che leggerete è il dialogo tra
due Edge di diverse generazioni, in una delle interviste più belle e piacevoli che abbia mai fatto.
Grazie di tutto Pasoxxx!


Allora Marco giusto per iniziare banalmente: cosa provi pensando di non dover essere tu
ad intervistare qualcuno per una volta? Hahah

- Ahah! Innanzitutto un grazie a te e poi che questa credo che sia la terza intervista che mi fanno, eheh!


La verità però si dica: intervistato altre volte ma mai su un blog incentrato sullo Straight Edge! Ahaha

- Mai! Infatti ne sono estremamente lusingato!

Torniamo un pò sulla linea della serietà e dimmi (vista anche la tua militanza ed
esperienza di anni ed anni assieme alla passione del punk e della sua scena):
qual'è la primissima cosa a cui pensi leggendo xanarcoedgex nome del mio blog?

- Azz! Cominciamo subito con le domamde difficili! Ok... Allora, la prima cosa che mi viene
in mente e' la connessione tra lo straight edge ed una visione politica ben definita.
Come ebbe a dire una volta Kurt della Catalyst Records: " lo straight edge e' politica".
Quando tu decidi di astenerti dal consumare alcolici, droghe, tabacco e ti astieni dal trattare
i rapporti con l'altro sesso come un "usa e getta", bhe', tu stai facendo una scelta politica.
Questa scelta politica, a mio modesto avviso, puo' essere ricondotta ad un concetto anarchico.
Le persone, in genere, tendono a definire il concetto di anarchia come chaos disorgannizzato e
fine a se stesso. In realta', sempre secondo me, l'anarchia vuol dire mettere in discussione la
societa' che ci circonda, cercando di avviare un cambiamento nelle cose, prima partendo da noi
stessi, poi cercando di allargare il discorso all'esterno. Questo e' il mio punto di vista.

Wow e tu parti in quarta con le super risposte degne di manifesti hahah mi aspettavo un semplice
"mbe ... mi riporta ai By All Means!" tu sei proprio un "fanculo il nostalgismo", a quanto pare
prima parlando della tua militanza ci ho azzeccato alla grande!

- Ahaah! Da fuori sembro un pagliaccetto, ma sono cose a cui tengo molto e che comunque
riflettono appieno il mio stile di vita... Comunque i By All Means restano sempre nel mio cuore!

Dopo magari torniamo a loro visto che vorrei ricordare un fatto, ora però vorrei dirti
che condivido appieno il tuo discorso, ti chiedo quindi cosa ne pensi di chi allontana
il punx hardcore e l'anarchismo dalla scelta Straight Edge svuotandola e vantandone solo
gli aspetti salutistici. Ho conosciuto parecchie persone così (immagino quante ne avrai
affrontato tu) e si perdevano spesso nell'autocelebrazione. Credo che sia un annullare
un movimento ed uno stile di vita sovversivo. Tu che dici? Non essere troppo cattivo,
ricordo Alex degli Approach (che saluto, grande Blasi!) che ad una domanda simile mi
rispose con " Scusami ma davvero credi che ci sia ancora qualcosa di sovversivo
e chesoprattutto abbia senso parlarne in certi termini nel 2014?"

- Allora, il discorso qui si fa abbastanza complicato... personalmente io adoro
gli aspetti piu' modaioli dello Straight Edge, vedi i vinili colorati e limitati,
le magliette, le Vans (le Nike non le sopporto), pero' dall'altro lato lo
Straight Edge per me e' ancora un bel vaffanculo alle multinazionali del
tabacco, agli spacciatori e sfruttatori, allo stato con i suoi monopoli
su alcol e tabacchi. A me fa un po' ridere chi si lamenta dello stato,
poi non rinuncia alle sigarette e alla birretta, oppure quelli "si, la
mafia fa schifo", poi pero' si fuma una bella cannetta in riva al mare ad
agosto... lo dico chiaro e tondo: lo straight edge non sono i tatuaggini colorati,
una collezione smodata di sneaker e l'x watch... lo straight edge e' una guerra
quotidiana, una protesta... io personalmente, come ebbe a dire un mio amico una
volta (ciao Tammy), la porto avanti in maniera silenziosa cercando di scegliere
sempre in maniera equa e giusta... si, per me, lo straight edge nel 2015
(e pure nel 2014) e' sovversivo... le persone sono piu' disposte ad accettare
una scelta veggie/vegan (che e' stata sdoganata ampiamente) piuttosto che lo
straight edge... Quest'ultimo e' ancora un'entita' misteriosa e che suscita stupore...

C'è da dire che spesso però molti si perdono nell'etichetta in se finendo per
essere lobotomizzati lottando per la libertà personale ma finendo per seguire
quattro regolette che in realtà non sono naturali conseguenze del proprio pensiero.
Insomma (visto che siamo in momento citazioni) come dice Valentino dei xCenerex
(trio powerviolence Straight Edge direttamente da Roma) le tre X sono la
semplificazione di ciò che siamo noi, non "un modus vivendi esterno che regola
i nostri comportamenti senza essere però il frutto delle nostre esperienze".
Non so se sono stato chiaro

Sono d'accordo. Ho sempre usato lo straight edge come "filtro" nei confronti della realta'
che mi circonda... Le mie esperienze personali, il non volermi conformare alla massa,
il voler vivere unvita cercando di evitare ogni forma di "schiavitu'", mi hanno portato
ad abbracciare questa "filosofia di vita"...

Tornando momentaneamente ai By All Means, in una tua intervista a Melo gli hai ricordato di un suo
acceso litigio a Cesena con gli Absence, tu eri presente?

- Yes! Estate 1997... Sul palco Fabio Absence sta facendo un discorso pro life
e qualcuno, evidentemente infastidito da cio', lancia una bottiglia contro il
povero Fabio. Poi Melo e Nico (dei With Love) cominciarono ad esporre le loro
idee in senso opposto, creando un dibattito: ecco, in quel frangente mi fu ancora
piu' chiaro come l'hardcore fosse un "qualcosa" di oltre il mero aspetto musicale
e personalmente amo moltissimo frequentare concerti metal, ma li al massimo si
scatenano dibattiti su chi rutta piu' a lungo, ahahah. L'hardcore ha un qualcosa in piu'.
Ovvio che ci sono le eccezioni, ma la cosa rimane.

Volevo proprio arrivare a questo, i dibattiti e l'importanza dei discorsi tra un pezzo e l'altro
ai concerti hardcore. In tutti questi anni quale è stato il gruppo che sotto questo aspetto è
stato più coinvolgente ed adrenalinico?

- Personalmente credo che negli ultimi anni la cosa sia un po' latitante...
Forse solo Josh dei To Kill parlava apertamente tra un pezzo e l'altro
e la cosa mi dispiace perche' suonare i pezzi a manetta senza introdurli
un minimo, mi pare una cosa poco costruttiva. C'e' da dire che molto spesso
e' colpa di chi vieni ai concerti perche' se qualcuno prova a parlare piu'
dei canonici 20 secondi scatta il "sonaaaaaaa" che sinceramente trovo un po'
stupido. Li dipende da con che spirito affronti il concerto: se sei li per
fare solo "festa" tra eccessi vari, oppure se sei li anche per imparare e
confrontarti. Da parte mia preferisco ascoltare un pezzo in meno e dare
spazio a cio' che il gruppo a da dire. Da questo punto di vista un gruppo
che infervora e che amo molto sono i bolognesi To Ashes perche' hanno tante
cose da dire e non si fanno problemi a dirle. Poi a dirla tutta Ivan e' un
ballerino eccellente, Judge ha dei fluenti capelli leonini ed Emanuela
cucina divinamente. Si, sono decisamente grandi personaggi ed un ottimo gruppo!


Loro sono persone d'oro e consiglio a chiunque le interviste che i To Ashes hanno rilasciato per me
su Anarcoedgexxx ed a te Paso per Forthekidsxxx. Non mi aspettavo che avresti nominato i fratelli
bolognesi....o forse si visto che sono l'unica realtà vegan edge in Italia! Ahahah che effetto ti fa questa situazione?

- Ehhh, un po' triste, sai? Quando ho cominciato ad interessarmi all'hardcore
c'era una fervente scena xxx, veggie, vegan. Poi, dopo il primo scorcio dei
2000, puff, tutto dissolto, ma credo che questo sia successo non solo in Italia.
Purtroppo la natura umana e' molto labile e capisco perfettamente che quando
una cosa ti va stretta e non la senti piu' tua e' ovvio abbandonarla. Mi fa un
po' specie che una volta che si molla il colpo con l'hardcore in senso musicale,
dopo poco si tende a mollare pure lo straight edge, il vegetarianesimo o il veganismo:
questo vuol dire che lo si era solo perche' lo erano gli amici con cui ci si vedeva
e perche' ascoltavi determinato gruppi. A dirla tutta da un lato pero' la cosa
mi va pure bene perche' certi soggetti erano veramente imbarazzanti ed e' solo un
piacere che siano spariti dalla mia vista, ahahah!

Prima di arrivare a forthekidsxxx (dato che ormai siamo arrivati ai discorsi "gossip") hai qualcosa da
dire su quella scena che si è dissolta? Io non ho vissuto ne inizi, ne boom e ne decadenza quindi non
so niente, ciò che arriva a me sono accuse di lotte affrontate superficialmente e con tendenze destroidi
ed intolleranti. Grandi esponenti dell'epoca come Fabio Absence (dato che lo abbiamo nominato) nega tutto
ciò in una breve intervista che gli feci, tu cosa ne pensi?

- Mah guarda, io l'ho vissuta a partire da fine anni '90, anche se a parer mio,
lo zenith si e' raggiunto tra il 2000 e il 2004, amo quel periodo con tutto me stesso,
ho amato e tuttora amo quei gruppi. Absence e Purification su tutti, assolutamente!
Ho visto tanti concerti molto belli e "sentiti", ho viaggiato molto (anche in Europa)
ed in parole povere: good clean fun, ahah! Le accuse di essere dei settari, dei nazi
o dei fasci eran all'ordine del giorno, io sono sempre stato molto tranquillo,
ma per esempio una mia amica mi confesso' che agli inizi le stavo antipatico per via
delle mie "frequentazioni", ahah! Il difetto (o il pregio, dipende dai punti di vista),
e' che ci piaceva stare tra noi, farci le nostre cose. Personalmente sono molto amico
di diversi ragazzi di quel giro che oggi non sono piu' ne vegan ne straight edge
(ma rimasti vegetariani). Le tendenze destrorse sono venute fuori anni dopo, cioe'
quando i diretti interessati eran fuoriusciti gia' da tempo. I primi Reprisal
(almeno un paio), per dirtene una, erano molto influenzati da ideologie comuniste.
Sulla Legion Romana se ne sono dette di tutti i colori e magari qualcosa di vero
c'era ma ai tempi lo mascheravan molto bene, ahah! Comunque vivendo in Romagna,
posso dirti che almeno da noi, il fascismo e il nazismo sono sempre stati ostracizzati,
come e' giusto che sia!

Marco ma di tutti quegli anni qual'è il ricordo più bello che ti porti dietro? (Attento a non farmi commuovere)

- Aahahah! Allora vediamo un pò... Molto probabilmente il ricordo più bello
è il concerto degli Absence che organizzai al fu Al Confino di Cesena un
pomeriggio dell'inverno del 2000 (o forse 2001, non ricordo troppo bene).
Mi ricordo tanta gente, tantissima partecipazione, tanti amici presenti che
volavano dal palco, insomma, fu un bel pomeriggio di sano e rutilante hardcore.
I concerti alla domenica pomeriggio mi son sempre piaciuti, soprattutto in
inverno, dove non c'è quasi nulla da fare... Un altro ricordo molto bello fu
quando feci suonare i Purification sempre Al Confino, fu sicuro nell'inverno
del 2001... Concerti invece che mi videro come semplice spettatore, ma che
rimangono per sempre scolpiti nella mia memoria, sono quelli dei Concrete di
Roma ogni volta che han suonato Al Confino, veramente pura magia!

Non hai mai sentito l'esigenza (vedendo tutti quei gruppi che immagino fossero una foga assurda)
o il desiderio di esprimerti su un palco?

- No anche perchè non amo molto sudare ahahaha... Ho sempre preferito stare
dietro le quinte, non mi piace avere l'attenzione su di me, tendo sempre
a tenere un profilo basso. Cioe' mi piace moltissimo ridere e scherzare,
ma poi ho un limite. Quando cominciai con l'hardcore, ero più attratto dai
dischi e dalle fanzine, da come venivano creati ed infatti mi sono concentrato lì.
Quando ero più giovane partecipavo ai concerti facendo stage diving e cantanto
col gruppo ora invece me ne sto in disparte a godermi lo show, ahahahah! Tornando
seri posso aggiungere che i gruppi che vedevo (e che tutt'ora vedo) dal vivo
sprigionano una potenza che difficilmente io potrei ricreare fondando un gruppo.
Come mi piace ripetere sempre: fare poche cose, ma farle con un pizzico di decenza!

Arriviamo ad una domanda triste, qual'è il tuo ricordo più brutto? (Oltre quello di non avere mai visto gli Unborn hahah)

- Ahhh gli Unborn...da sempre uno dei miei gruppi preferiti...peccato non
averli mai visti in azione... Mah, guarda, io di ricordi tristi ne ho
pochi perche' mi sono sempre divertito tantissimo, sia che viaggiassi
per raggiungere un concerto, sia che lo organizzassi, sia sotto al palco.
Se tu avessi potuto vedermi a quei tempi avresti notato la presenza di un
sorrisino compiaciuto sulla mia faccia, cosa che puntualmente accade tutt'oggi.
Col passare degli anni magari ho tagliato i ponti con alcuni soggetti della
scena romagnola, ma è stato un bene, visto che credo fermamente
(col senno di poi) che ai tempi "me li facessi andare bene", quando in realtà
non è che mi stessero particolarmente simpatici. Molti hanno insinuato che io
non li considerassi più amici per il loro aver abbandonato il veganesimo e lo
straight edge ma la verità pura e semplice è che non mi interessava affatto perche'
non mi son mai stati ne mi sono tutt'ora simpatici. Poi quando vengo a sapere
di loro certi comportamenti mi faccio delle sonore risate... Ahahahahah!

Ma arriviamo finalmente al punto, sfogliando decine e decine di zine dei primi dei 2000, prestate a me da Luca
ex Absence (scusami Luca prima o poi te le restituisco) sei presente ovunque! Forthekidsxxx sempre in prima linea!
Ma cosa era Forthekidsxxx in quegli anni, come è nato il progetto e cosa è oggi

- Forthekidsxxx era principlamente una distribuzione di cd, vinili, cassette, toppe,
magliette, spille, feci pure uscire (assieme a Small Town Guy Records di Dudu
dei Gonna Fall Hard/Sgurd) il primo mini cd dei Summer League, un gruppo che mi piaceva
(e mi piace) tuttora moltissimo. A quei tempi avevo deciso di fare diventare
Forthekidsxxx il mio lavoro, mi ricordo ore ed ore ad aggiornare il sito web, fare i pacchi,
preparare gli scatolini da portare ai concerti, creare flyer e facevo tutto da solo, duro'
più o meno dal 2000 al 2003, quando infine decisi di chiudere tutto, per due motivi
principali: non ci si campava ed ero veramente esausto... Dopo la chiusura della distro
ho riconvertito il sito web a web zine online ma è durata poco... Mi ricordo che però
intervistai Zazzo dei Negazione (ai tempi erano usciti con una raccolta che aveva riacceso
l'interesse verso di loro), ma dopo un pò mi stufai e abbandonai il progetto.
Veramente Forthekidsxxx era presente su tutte quelle zine cartacee perchè facevo
pubblicità a tutto spiano ed ovunque ci fosse un posticino, stampavo centiniai di flyer,
adesivi e spille, addirittura stampai pure le magliette che regalavo a chi faceva
ordini cospicui. Insomma, era veramente un grande sbattimento ma ne ero felice,
anche se poi però finii tutto, ero intristito e, ripeto, un pò stanco. Infatti per
qualche tempo partecipavo sporadicamente ai concerti e compravo pochissimi dischi,
poco supporto in parole povere. Un bel giorno mi son detto: ma che cazzo stai facendo?
E mi ci sono ributtato a capofitto, ahahah! Tieni presente che per un pò di anni ho
fatto il grafico, ma non è che fossi bravissimo, quindi dal 2007 sono passato a montare
scaffali per negozio di ferramenta, per poi passare ad un istituto di Televigilanza,
per poi finire a fare il corriere per una ditta che lavora per l'ospedale di Cesena.
Da lì sono finito a fare sempre il corriere, ma per un laboratorio privato sempre di
Cesena, e quest'anno "festeggio" gli 8 anni. Se mi guardo indietro penso: ho cambiato
3 lavori nel giro di 7 mesi, ahahahah...la verità è che io amo la vita comoda...mi piace
lavorare 6/7 ore, pigliarmi lo stipendio, le ferie, tredicesima e quattordicesima,
passare 6 mesi all'anno in spiaggia a Cesenatico dopo il lavoro, tornarmene a casa e
ascoltare i miei vinili, tutto senza dover avere il costante assillo di vendere 10 dischi
in più perchè se no non ci sto dentro con le spese, macinare migliaia di chilometri per
vendre 200 euro di dischi. Chiamami pure borghese ma io con quel tipo di vita ho dato, ahahahah!

Ora sito di interviste e recensioni, ho visto che ci sono gruppi dall'hc più grezzo sino al metal più svedese,
oltre che dai gruppi icsati sino all'osso sino ai gruppi più alcolizzati. Il tuo obbiettivo quindi non era concentrarti sulla scena edge?

- Ti riferisci al blog, giusto?

Si si, perchè? Agli albori l'obbiettivo era quello?

- Ok! Allora... No, l'obiettivo era inizialmente intervistare solo
personaggi dell'hardcore punk di ieri, che o erano usciti dal giro
oppure che erano ancora presenti, ma magari in maniera più defilata.
Poi, come spesso accade, le cose si sono evolute e ho cominciato a
recensire le uscite che i gruppi o le etichette mi mandavano (e continuano a mandare)
e ad intervistare le band che mi interessano di più. Io sono sempre stato
molto trasversale: sono sì vegan straightedge ma adoro il death, il thrash,
lo sludge, il doom ed il black metal, allo stesso tempo però sono anche un pò
conservatore: escluso pochissimi gruppi, ascolto esclusivamente gruppi appartanenti
ai generi che ti ho citato prima, ma anche lì non tutti, solo quelli che mi paiono
genuini. Allo stesso tempo seguo molto la scena straight edge mondiale e cerco di
essere sempre aggiornato. In Italia mi piacciono moltissimi gruppi ma al momento in
cima alla mia lista ci sono i grindcorer Death On/Off e le sludge doom black SaturninE,
due gruppi distanti anni luce dallo straight edge, ehehe! Forthekidsxxx è un pò lo
specchio dei miei gusti, il blog è dichiaratamente vegan e sXe ma dà spazio a
realtà anche molto distanti. Ovviamente non vengono presi in considerazioni gruppi
fascisti, nazisti, sessisti, omofobi e pagliacci in genere. Mi fanno venire il
vomito a dirtela tutta!

Alle SaturninE ho avuto il piacere di organizzare un data qua in Sardegna, super gruppo, super persone
e super seratona! Allora Marco ci siamo intravisti a Bologna alla serata degli Iron. Nomino ciò perchè
il gruppo in questione è una bellissima band queer core e molto chiari in temi anti nazifascisti,
antisessisti ed antiomofobi. Che importanza ha per te nell'ambiente hc aprirsi, dichiararsi antifascisti
ed allontanare tutta questa spazzatura dalla scena?

- Oserei dire fondamentale! In un epoca in cui sottosviluppati come i pagliacci
di Casa Pound provano ad infiltrarsi nelle manifestazioni animaliste, in tempi
in cui gente che frequenta il giro hardcore si dice daccordo con le opinioni
espresse da un imbecille come Salvini, in un tempo in cui l'ignoranza sta
divorando tutto, è fondamentale prendere una posizione chiara e netta: fascisti,
nazisti, omofobi e sessisti vanno esclusi a priori. Non me ne frega un cazzo se
sei vegan/vegetariano ma poi indossi una maglietta con la croce celtica o amenità
come "boia chi molla". Sei solo spazzatura, tu ed i tuoi simili! Omosessuali e
lesbiche hanno tutto il mio amore e il mio rispetto, sono persone esattamente
come me che esprimono amore nella maniera a loro più congeniale, le persone le
giudico per le loro azioni, non per i loro gusti sessuali. L'hardcore deve
continuare ad essere portabandiera di questi valori visto che non lo concepisco
altrimenti. Gruppi come Iron e Limp Wrist sono in cima alle mie preferenze perche'
esprimono esattamente quello che penso io: costruire una società in cui tutti
siamo sullo stesso livello. L'Italia è un paese retrogrado e composto essenzialmente
da sottoacculturati, che odiano chi è diverso perchè il diverso fa paura, ma paura
di cosa? Di diventare gay se stai vicino ad un omosessuale? Hai paura di contrarre
la lesbite acuta? Ma per favore, dai! Quello che voi chiamate "diverso", una volta
conosciuto, potrebbe arricchirvi come persona e magari farvi migliorare anche un
pochino, anzi moltissimo!

A proposito di ciò non riesco a tenere la bocca chiusa: sempre grazie a Luca Absence sono arrivato agli scritti
di Fabio Absence Raffaeli per l'Italy Hardline. Lasciamo stare i mitra incrociati che mi hanno intimorito e
qualche frase per i miei gusti troppo cattiva, ma la parte sulla sessualità non è un pò troppo....come dire....ambigua?
Melo dei By All Means dice di essere stato preso di mira all'epoca per la sua sessualità e come abbiamo ricordato
precedentemente aveva pure litigato con gli Absence interrompendo un concerto. Spesso nel mondo facebookiano ho
rivisto litigi Tra hardliner dell'epoca e edge di metà duemila che li attaccano. Insomma che cavolo è successo?
Hahah ricordi gli scritti della Italy Hardline?

- Guarda, qui ci vorrebbe il prodigo intervento del mio caro amico
Alessandro Massa (Il Cespo) ex primo cantante dei Reprisal e soprattutto
bassista dei Memories Of Apocaypse e chitarrista dei LeTormenta sul
primo Lp, che di sicuro ne sà molto più di me e che ai tempi c'era dentro,
io da parte mia ti posso dire che, da quello che all'epoca capii,
l'omosessualità secondo la filosofia hardline non era "naturale", cioè
andava contro quelli che erano i precetti della Madre Terra, visto che
non era adatta a procreare. Ai tempi io me ne stavo un pò defilato dalla
cosa, visto che alcune cose non le condividevo troppo, tipo i toni
apocalittici con cui venivano espressi i concetti, pero' quello che
devo riconoscere all'hardline è di essere sempre stato coerente con sè stesso.
Ad esempio Fabio degli Absence si vedeva che si era documentato e che
conosceva la materia e lo dico perche' prestavo sempre molta attenzione
a ciò che diceva dal palco. Sinceramente le polemiche che si sono viste
su Facebook ai giorni nostri mi hanno fatto sorridere in quanto l'hardline
non esiste più, molte persone che ne propugnavano i contenuti oggi non
sono manco più vegan (e in alcuni casi, neppure vegetariani), tutto cio'
mi sembra più una scusa per rinverdire vecchie antipatie personali.
Ma l'hardline ha fallito!? Non te lo saprei dire....da un lato ha dato
ulteriore spinta al veganesimo, dall'altro forse ha illuso più di una
persona, resta il fatto che, se pur messo alla berlina dai più al giorno
d'oggi, è stata una fase rilevante dell'evoluzione dell'hardcore in Italia.

Non volevo ritirar su l'argomento per fare scalpore ma perchè io ho veramente fame di sapere hahah più che
altro ho osato chiedere perchè ricordo che durante l'ennesimo litigio facebookiano sull'hardline tu ti sei
messo in mezzo dicendo a tutti di smetterla! Arrivando quasi alla fine che ne dici di dirmi la prima cosa
che ti viene in mente alle cose che nominerò?

- Certo, dimmi pure!

Rick ta Life!

- Aahahahahah! Cosa mi tiri fuori! Allora... Credo di averlo visto dal vivo
con 25 Ta LIfe e Comin Correct almeno 4 o 5 volte... Tra la fine degli anni '90
e i primi del 2000 era una presenza fissa in Romagna... I Comin Correct li
andai a vedere a Prato però...Te pensa che i 25 Ta LIfe furono uno dei primi
gruppi hardcore che vidi nel 1995... Personalmente era un gran personaggio...
Ci ho parlato alcune volte, ci ho scambiato i dischi e ne ho acquistati...
Girava sempre con questo mega banchetto di cd, vinili e magliette
(rigorosamente non ufficiali, cosa che anni dopo gli attirerà l'odio di mezza
scena hardcore, ahahah)... Sono anni che non lo vedo, ma ci ho scambiato due
parole via Facebook qualche anno fa... Ho seguito tutto quello che ha scritto
sui Madball, accusandoli di aver stuprato due ragazzine dopo un concerto...
Vaneggiamenti di un pazzo ormai sulla via del declino più totale... Ha avuto
il suo momento di gloria, ha girato il mondo in tour, venduto migliaia di dischi...
Figlio anche lui di un'epoca irripetibile, alla quale sono molto affezionato...
I dischi dei suoi gruppi me li ascolto ancora oggi molto ma molto volentieri!

Zetazeroalfa!

- Azz! Sono quelli fasci del video con il tipo che indossa la maglietta dei Madball,
giusto? Ho solo una parola per descriverli: poveracci.

Arkangel!

- Ahhhh... Ho adorato il 10" e l'Lp... Dal vivo devastanti... Ai tempi li ascoltavo
tutto il giorno, in casa, in auto, sempre... Ora li ho abbandonati totalmente,
ma quelle due uscite spesso le rispolvero con somma gioia!

Si vede che non sei hardline dato che non li hai riempiti di insulti per avere voltato le spalle sia a scelta vegan che straight edge! Hahah

- No no ahahahah! Sinceramente non mi interessa, ahahahah!
E poi, a dirtela tutta, anche ai tempi mi sembravan dei gran cazzari!

Qui abbiamo finito carissimo, grazie per la pazienza e per avermi permesso questa super intervistona botta
e risposta, piena di amicizia e scambi di battute, come direbbe il buon Rick: Friendship, loyalty, commitment! Saluti?

- Grazie a te innanzitutto. E' stato un vero piacere! Approfitto per
salutare tutta la scena hc sarda (siete tanti e siete molto in gamba),
poi i miei amici Ale e Paolo di Assurd Records, Matteo Grind Promotion,
Koppa, Febo e MIla Agipunk, il Presidente, tutta la scena hc punk di Bologna,
il Pulce, il mio caro amico e compare di concerti Casa, i miei amici di Forlì,
saluto la scena di Venezia, la Salad Days Magazine, Marco Morosini dei Mannaia,
Giulio e Luca Foad Records e tutti quelli che mi conoscono. Solo un'ultima cosa:
hardcore, sei stato il primo amore! Yo!


Blog Forthekidsxxx